Seta

 

Fandango: Production

REGIA Francois Girard SCENEGGIATURA Francois Girard, Michael Golding DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA Alain Dostie SCENOGRAFIA Francois Seguin MONTAGGIO Pia di Ciaula COMPOSITORE Ryuichi Sakamoto COSTUMI Carlo Poggioli, Kazuko Surokawa CASTING Susie Figgis SUONO Claude La Haye, Claude Beaugrand, Olivier Calvert, Hans Peter Strobl, Bernard Gariepy PRODOTTO DA Domenico Procacci, Niv Fichman, Nadine Luque, Sonoko Sakai DISTRIBUITO DA MEDUSA FILM LA COLONNA SONORA DEL FILM È DISPONIBILE SU CD RADIOFANDANGO IL BESTSELLER SETA DI ALESSANDRO BARICCO E’ PUBBLICATO IN ITALIA DA FANDANGO LIBRI

Hervé Joncour Michael Pitt Hèléne Fouquet Keira Knightley Hara Jubei Koji Yakusho Baldabiou Alfred Molina La Ragazza Sei Ashina Madame Blanche Miki Nakatani Umon Jun Kunimura Ludovic Mark Rendall Sindaco Joncour Kenneth Welsh Commerciante Callum Keith Rennie Il Ragazzo Kanata Hongo Prete Carlo Cecchi Verdun Toni Bertorelli Beatrice Chiara Stampone Ragazza casa Madame Blanche Kate Saunders Ragazza casa Madame Blanche 2 Maddalena Maggi


Eterea e delicata, eppure assai resistente, la seta è stata desiderata e cercata per centinaia di anni. Inafferrabile, sensuale, trasformazione quasi alchimistica del mondano in magico, la seta è un materiale diverso da tutti gli altri. Per coloro che trattano il tessuto, è quasi senza prezzo… come l’amore. Francia, seconda metà del 1800. Hervé Joncour (MICHAEL PITT) è un giovane soldato di famiglia benestante, figlio del sindaco di Lavilledieu, che assecondando il volere paterno ha intrapreso controvoglia la carriera militare. Innamorato, sposa la dolce Hèléne Fouquet (KEIRA KNIGHTLEY). Mentre il padre lo spinge a rimanere nell’esercito, a Hervé viene offerta una interessante alternativa dall’imprenditore Baldabiou (ALFRED MOLINA), che cerca di far rivivere gli antichi splendori della città riaprendo le fabbriche di seta chiuse da tempo. Dalla Francia alla Turchia, le uova dei bachi da seta manifestano una strana malattia, così Baldabiou incarica Hervé di andare in Egitto a comprare bachi non ancora infetti. Quando Hervé torna dal suo viaggio, Baldabiou scopre che anche questi bachi sono stati contagiati. Baldabiou allora implora Hervé di andare più lontano… alla fine del mondo, nell’unico luogo dove le uova di baco da seta sono perfette. In Giappone, una terra segreta e sconosciuta, negata a quasi tutti gli stranieri. Baldabiou è in contatto con un misterioso mercante che è disposto a commerciare con l’estero sebbene ai giapponesi sia vietato esportare uova di baco da seta. Hervé non vorrebbe lasciare sola Hèléne, ma è proprio lei a incoraggiarlo a partire. In carrozza, in treno, a cavallo, a piedi e per mare, Hervé attraversa la Francia, supera le Alpi, le steppe dell’Ucraina, le vastità senza limiti della Russia e della Siberia. Arrivato finalmente in Giappone su una nave di contrabbandieri, viene condotto a occhi bendati e in segreto dal porto di Yamagata verso l’interno, fino a un villaggio con case di paglia, legno e bambù, completamente coperte dalla neve. È lì che Hervé incontra Hara Jubei (KOJI YAKUSHO), potente e riservato capo del villaggio, con il quale inizia il commercio delle preziose uova. È proprio nel palazzo di Hara Jubei che Hervé rimane folgorato dalla bellezza di una misteriosa Ragazza (SEI ASHINA). Dal primo momento in cui la vede avvolta in un kimono di seta blu, Hervé ne è stregato. Nei successivi viaggi, tra Hervé e la Ragazza si stabilisce un muto ma profondo legame erotico. Per lui è un’attrazione che diventa ossessione e un’ ossessione che assume la potenza di un sogno. Ma la crescente passione per la Ragazza mette in pericolo tutto il mondo di Hervé: non solo la felicità che condivide a Lavilledieu con la dolcissima e fedele Hèléne, ma la sua stessa vita. E mentre si dibatte tra l’ amore per Hèléne e il desiderio per la Ragazza, Hervé non immagina quali segreti e rivelazioni abbia in serbo per lui il futuro.