Tuttalpiù muoio

Edoarrdo Albinati e Filippo Timi
”Poche volte la letteratura ci ha mostrato un’alterità così dirompente.” Filippo La Porta, XL “Una stupefacente partitura vocale.” Andrea Cortellessa, il manifesto “Si finisce il libro con un senso di commozione strana.” Valentina Pigmei, Rolling Stone ”A volte ci prende un tale entusiasmo davanti a un libro che viene voglia di suonare ai citofoni degli amici e magari anche degli sconosciuti, e gridare: presto, scendete e andatevi a comprare Tuttalpiù muoio di Edoardo Albinati e Filippo Timi.” Marco Lodoli, la Repubblica “Un connubio felice da cui è nato questo romanzo monstre: ora cinico e amaro, ora tragicomico, ora picaresco, ora esilarante.” Leandro Piantini, L’Indice “Un libro denso e incandescente. Il racconto (e il canto) della forza della nuda vita.” Carla Benedetti, L’Espresso

Sinossi

Ecco le storie di Filo, ragazzo della provincia umbra, burattino dei nostri tempi senza l’aiuto di nessuna fatina, che fra bugie e verità cerca di diventare adulto lottando contro la fame di sentimenti, di ibo e di sesso – ma soprattutto di riconoscimento umano. Spesso incappa in cocenti sconfitte, dai risvolti comici irresistibili, talvolta riesce a trionfare. Scandalosa parabola di amore e sopravvivenza, cronaca di un riscatto ora gioioso ora drammatico, il romanzo di Albinati & Timi è scritto con il soffio naturale e crudele della giovinezza.