Nomi, cose, città, viaggio nell'Italia che compra

Arnaldo Greco
Dopo i crack della borsa mondiale, la crisi petrolifera e l’inflazione, un reportage su come è cambiata la vita in Italia. Italia 2009. Nonostante la crisi l’italiano medio è ancora un consumatore da primato. Compra e vende, spesso, senza avere i soldi per farlo. Attraverso otto reportage dallo sguardo lieve e ironico Greco racconta questo aspetto del paese impazzito.Un incredibile centro commerciale del napoletano, Vulcano Buono, che si pone di far concorrenza al Vulcano cattivo, le boutique dell’alta cucina e i mercati di quartiere del milanese, cosa comprano gli italiani appena superato il confine di Austria e Slovenia, i mercati di una cittadina di provincia dopo l’arrivo delle badanti, quali prodotti scegliamo per i neonati e come, appena nato, un neonato diventi un consumatore, la spesa su internet, la corsa isterica al cibo “che fa bene”, l’Italia del tempo libero e i suoi mille Festival. Tra un bordello sloveno, una bancarella di frutta sudamericana nel centro di Milano, un felice reparto di neonatologia e la casa di una vecchietta che vive con la sua ucraina, storie dall’Italia di oggi che compra e non si arrende.