Cast Tecnico

REGIA -GIAN ALFONSO PACINOTTI
SOGGETTO E SCENEGGIATURA-GIAN ALFONSO PACINOTTI
Liberamente ispirato al romanzo a fumetti Nessuno mi farà del male di Giacomo Monti
(edizioni Associazione Culturale Canicola)

DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA-VLADAN RADOVIC
SCENOGRAFIA-ALESSANDRO VANNUCCI
COSTUMI-VALENTINA TAVIANI
SUONO-ALESSANDRO BIANCHI
ORGANIZZATORE GENERALE-LUCIANO LUCCHI
AIUTO REGISTA-ALESSANDRO CASALE
MONTAGGIO-CLELIO BENEVENTO
MUSICHE-VALERIO VIGLIAR
SUPERVISORE ALLA PRODUZIONE-VALERIA LICURGO
PRODUTTORE DELEGATO-LAURA PAOLUCCI
PRODOTTO DA-DOMENICO PROCACCI    
UNA PRODUZIONE-FANDANGO
IN COLLABORAZIONE CON-RAI CINEMA

DISTRIBUITO DA-FANDANGO

 
 

Cast Artistico

LUCA BERTACCI-GABRIELE SPINELLI    
ANNA LUINI-ANNA BELLATO
GIUSEPPE GERI-TECO CELIO
L'AMERICANO-STEFANO SCHERINI
PADRE DI LUCA-ROBERTO HERLITZKA
WALTER RASINI-PAOLO MAZZARELLI
ROBERTA-LUCA MARINELLI
JOSEPH PALLA- UGO DE CESARE
 ALIENA-SARA ROSA LOSILLA
GABRIELE DEL GENOVESE-VINCENZO ILLIANO
CARMEN-ERMANNA MONTANARI

dal 9 settembre al cinema!

L'ULTIMO TERRESTRE

Gian Alfonso Pacinotti
La storia si svolge durante l'ultima settimana prima dell'arrivo di una civiltà extraterrestre sulla terra. Un arrivo annunciato dai governi. Una notizia in seconda serata, che non ha entusiasmato nessuno.

Trailer

Sinossi

Gli extraterrestri arrivano in un paese stanco e disilluso, in crisi economica conclamata e gravissima. Le reazioni delle persone alla venuta degli extraterrestri vanno dalla reazione razzista (Adesso ci ruberanno il lavoro, come hanno fatto i cinesi prima di loro!) ad interpretazioni mistico religiose strampalate.
Questa è l'ambientazione che ospita la nostra storia.
Ma noi non raccontiamo la storia di un popolo, seguiamo invece la vita di Luca Bertacci, un uomo con enormi problemi di relazione, un uomo che , abbandonato dalla madre quando era piccolo, è cresciuto nell'odio per le femmine. Nella diffidenza e, soprattutto, nell'incapacità di provare sentimenti.
Questa chiusura emotiva ne ha fatto un emarginato senza passioni e senza sogni, Luca spende la sua vita tra il lavoro (barista in una sala bingo), rari pranzi con il padre (che ogni volta rinnova il dolore per l'abbandono della madre, quella femmina maledetta..) e un attrazione segreta e inconfessabile per una vicina di casa. Un sentimento che Luca non può e non vuole permettersi, e che cerca di reprimere in ogni modo.
Ma l'arrivo degli extraterrestri cambierà tutto. Nella storia questa venuta assumerà sempre di più le caratteristiche di una vera e propria "rivelazione" per il nostro protagonista. Questi alieni, che nella forma e l'atteggiamento sono tanto simili ai "grigi" di incontri ravvicinati, ma che si distinguono soprattutto per la loro capacità di sapere "che cosa è Bene e cosa è Male", agiscono ai margini della vicenda modificando la vita di Luca, innescando eventi che lo porteranno a scoprire una verità inaspettata e sconvolgente sulla madre e il suo "abbandono", fino a dargli una nuova possibilità di vita e una speranza di felicità.
Difficile al termine della storia non pensare che questi extraterrestri con il loro arrivo tanto simile ad un "giudizio universale" siano alla fine venuti sulla terra solo per lui. Come un regalo.